Sul “fatto quotidiano”

fatto-quotidianoMercoledì 23 Settembre le edicole italiane sono state prese d’assalto dall’ondata di euforia che ha investito quella parte di Italia che vuole capire cosa succede nei piani alti di questo paese: è nato il Fatto Quotidiano, sedici pagine per sei giorni a settimana.
Redazione senza gruppo editoriale, senza fondi pubblici e con tanta voglia di cavalcare l’onda del successo che ha toccato Marco Travaglio e company.
Ore 9:00, a Roma è praticamente impossibile trovare un’edicola che abbia ancora una copia di questo giornale.
Si dice che la produttiva Milano le abbia finite già alle otto e nelle altre città le cose non sono poi così diverse.
Il logo del nuovo giornale è la raffigurazione di un ometto che parla al megafono stringendo tra le mani un foglio di carta: l’informazione, quella libera, prima di tutto.
Di amletico dubbio si tratta quando ci si interroga sullo sfondo, rosso, del logo: volontà di attirare l’attenzione sfruttando la capacità attrattiva del colore o desiderio di contornare l’operato del giornale di un tono politico, genuino ma deciso, contro l’inciucio dei due più grandi partiti?
Risposta non facile a trovarsi ma interrogativo forse di secondo piano se si guarda alla dichiarata intenzione dei giornalisti: indipendenza, verità, critica.
La prima copia de “Il Fatto Quotidiano” parte subito con uno scoop: Gianni Letta, numero due di qualsiasi governo Berlusconi che si rispetti, uomo dalle mirabili capacità diplomatiche e dal forte senso istituzionale è indagato a Lagonegro per abuso d’ufficio, turbativa d’asta e truffa: tutto questo nella grande miniera degli appalti per la gestione dei centri di accoglienza immigrati.
Niente male come inizio: per tirare fuori una inchiesta di molti mesi addietro l’italico lettore ha dovuto attendere la venuta di una nuova classe di messianici giornalisti.
I critici del belpaese, i censori tricolori sono proprio appiattiti su un asse di banalità retto come la loro moralità bigotta: se la società civile evolvesse sugli impulsi dell’opinione pubblica interna, povere Italia mia.
Proprio per questa sua piega il Fatto Quotidiano è in ogni caso un fenomeno positivo per il nostro paese.
Il problema nasce dalla cruda ma doverosa constatazione che si tratta in ogni caso di un antidoto: e un antidoto è utile se c’è un malato.
La malattia è l’inciucio, come direbbe Antonio Di Pietro.
Ogni antidoto, medicinale o terapia che si rispetti ha bisogno, però, della giusta dose: il Fatto Quotidiano forse non regge la sfida della categoria “quotidiani”.
Costa parecchio e per la sua natura è doverosamente ripetitivo.
Leggere ogni giorno di un indagato non nuoce di certo ma credo che dal punto di vista puramente commerciale sia un fenomeno destinato a durare poco.
Decisamente più lungimirante sarebbe stata la scelta di cadenzare in modo più dilatato l’uscita in edicola: settimanale, bisettimanale, mensile.
La ressa per avere sempre una prima pagina di grido, consona alla natura del giornale in questione, porterà spesso a cadere in scale di importanza poco azzeccate.
30 Settembre 2009: dopo una settimana dall’uscita del Fatto Quotidiano nelle edicole è possibile trovare copie anche nel primo pomeriggio.
L’effetto novità è normalmente scemato anche se si può tranquillamente parlare di un giornale che ha riscosso un successo non trascurabile.
Colpisce però la prima pagina di oggi: “i misteri di casa Carfagna”.
Secondo pettegolezzi parlamentari il padre della Ministra Carfagna avrebbe comprato una casa di oltre centocinquanta metri quadri, a due passi da Fontana di Trevi, per una cifra che si aggira sotto il milione di euro: effettivamente troppo poco per i prezzi di mercato ma la notizia dall’affare si tinge di sospetto quando si scopre che qualcheduno meno “ammanigliato” avrebbe offerto una cifra decisamente più alta per lo stesso immobile.
Certo, notizia tutto sommato inseribile tra quelle degne di essere lette ma trattasi non di certo di un pezzo per il quale pago un euro e venti (sa molto di free press o “Novella duemila”)
Sarebbe stato molto più felice l’inserimento in prima pagina dell’articolo che invece è finito a pagina sette.
La pregiudiziale di incostituzionalità sullo scudo fiscale, promossa dall’Italia dei Valori, poteva mettere in forte dubbio il varo della legge.
Le opposizioni, però, con il loro assenteismo hanno permesso che la legge fosse approvata alla Camera dei Deputati.
Quindi contro i condoni e le sanatorie di berlusconiana memoria l’opposizione ha toppato ancora una volta, soprattutto grazie all’assenteismo dei deputati del Partito Democratico, quel partito ciò che per passato e elettorato dovrebbe e potrebbe fare di più:  il Partito Democratico (mi piace ribadirlo a chiare lettere questo nome, mi diverte quasi quanto “Il Popolo delle Libertà”).
Giustamente, si chiede il giornalista Telese, dove erano i vari leader dell’opposizione Bersani, D’Alema, Franceschini?
Meno giustamente, si chiede il giornalista Telese: “dove era Rutelli?”.
Al Senato, Telese, non alla Camera!
E’ vero che ne sono seicentotrenta, ma lui sta nei trecentoquindici.
Gaffe a parte, è il caso di ripetere che il Fatto Quotidiano è comunque un fenomeno positivo.
Leggetelo quando vi va, quando sapete già cosa è successo nel mondo e in Italia ma aspettatevi solo tanta sostanza: la forma lascia molto a desiderare.
Saranno pure discepoli del pensiero di Montanelli ma di certo non della sua penna!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: